Una risata ci salverà.

Cestini della spazzatura parlanti, autovelox glamour, scale musicali. Disneyland? No Stoccolma. Come una campagna pubblicitaria virale della Wolkswagen ha lanciato l’idea che a volte per cambiare il mondo basta un sorriso.

schermata-2010-05-22-a-103255No, non stiamo parlando dei sempre più stucchevoli tentativi di educare ricorrendo a canzonette nate vecchie e mascotte sempre più  improbabili, ma di un’idea che punta a incentivare l’adozione di comportamenti più virtuosi, ecologici, o salutisti, rendendoli più divertenti dei comportamenti tradizionali. Si tratta della Fun Theory, ed è un’idea è venuta alla Volkswagen che qualche tempo fa ha lanciato con successo una campagna virale proprio centrata su questa idea. Come dicono nel lorosito. “Crediamo che la via più semplice per cambiare in meglio i comportamenti delle persone sia rendere le cose più divertenti da fare. Abbiamo chiamato questa teoria The Fun Theory.”

schermata-2010-05-22-a-103619Tra gli esempi più conosciuti, molti avranno già visto il video girato all’ingresso di una stazione della metropolitana di Stoccolma. La situazione di partenza è quella che conosciamo tutti: scala mobile affollata, scalinata deserta. Il comportamento più virtuoso sarebbe usare le scale (il movimento fa bene alla salute, inoltre le scale sprecano energia preziosa solo per regalarci il lusso di risparmiare qualche passo), eppure la quasi totalità delle persone le snobba, affollando gli scalini automatici. Il bello è che è bastato trasformare la scala in un’enorme tastiera perfettamente funzionante perché il numero di persone che preferiscono le scale aumentasse del 66% rispetto alla media. E gli altri esempi non mancano, come il cestino più profondo del mondo o come nel caso dell’idea vincitrice, quella di un autovelox al contrario che scatta la foto solo se rispetti i limiti di velocità e te la spedisce a casa trasformato in un biglietto della lotteria per vincere un premio estratto tra i guidatori più virtuosi.

4565182972_5afd4ba1c4Certo, pensare che la soluzione ai nostri problemi stia tutta nel trasformare le nostre città in un’enorme cartoonia in cui i cittadini sono inseguiti da marchingegni che venderebbero l’anima pur di strappar loro un sorriso è assurdo. Molto meglio responsabilizzare ed educare fin da piccoli a un comportamente responsabile e virtuso.

L’idea però non è affatto cattiva e potrebbe rivelarsi molto utile -a patto di non eccedere- in quei luoghi e in quelle circostanze in cui abbassiamo la guardia e ci sentiamo autorizzati -pur sapendo di fare una cosa sbagliata- a fregarcene un po’. Basti pensare a una cittadina turistica o a quelle enormi macchine per il tempo libero che sono i parchi tematici come Disneyland. Che infatti molto prima che la Wolkswagen inventasse la sua Fun Theory ha inserito nei suoi parchi un cestino per la spazzatura parlante che parla e interagisce con i visitatori.

Annunci
Questa voce è stata scritta da La Piemontesina e pubblicata il 26 maggio 2010 su 08:30. È archiviata in Senza categoria con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: