Terra Futura: buone pratiche per un mondo sostenibile

Domenica scorsa si è conclusa la VII edizione di Terra Futura, l’evento che si svolge ogni anno a Firenze presso al Fortezza da Basso rivolto a tutti i cittadini interessati a conoscere da vicino le buone prassi di sostenibilità, sperimentabili e già sperimentate. La tre giorni non si rivolge solo ai privati ma coinvolge tutti gli operatori economici, responsabili d’azienda, imprenditori, amministratori pubblici che vogliano davvero costruire una società basata sul rispetto dell’uomo e della natura. Un mondo alla portata di tutti non solo a parole ma concretamente.

Terra Futura vuole far conoscere e promuovere tutte le iniziative che già sperimentano e utilizzano modelli di relazioni e reti sociali, di governo, di consumo, produzione, finanza, commercio sostenibili: pratiche che, se adottate e diffuse, contribuirebbero a garantire la salvaguardia dell’ambiente e del pianeta, e la tutela dei diritti delle persone e dei popoli.

Il centro della riflessione di Terra Futura 2010 sono state le Comunità sostenibili e responsabili. Si tratta prima di tutto di una sfida culturale: mentre molti richiamano a una idea chiusa delle comunità, noi sosteniamo il valore dell’apertura, della comunicazione, della dialettica, della responsabilità e della biodiche di sostenibilità, a partire da quelle che possono trasformarsi in gesti e scelte quotidiane di ciascuno.

Ma non sono mancante iniziative interessanti come il premio “Architettura e Sostenibilità” dedicato alla miglior tesi di laurea, dottorato di ricerca e buone pratiche delle amministrazioni pubbliche sui temi dell’edilizia e dell’architettura sostenibile e partecipata o la “Borse delle Imprese Rssponsabili” che favorisce l’incontro e l’avvio di nuovi rapporti commerciali tra aziende virtuose in numerosi settori: turismo sostenibile, tessile equo bio, filiera corta, chimica verde, energie rinnovabili, risparmio energetico, riconversione ecologica, web marketing e reti sociali, RSI, certificazioni, bilanci sociali, mobilità sostenibile e itinerari educativi per la sostenibilità.

Annunci
Questa voce è stata scritta da La Piemontesina e pubblicata il 2 giugno 2010 su 08:00. È archiviata in Senza categoria con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: