La Mandria di Chivasso: il fabbricato centrale

Nei mesi di giugno e luglio del 1764 si diede inizio ai lavori del fabbricato centrale. Il piano di lavoro prevedeva le istruzioni dettagliate del fabbricato e dei manufatti, che dovevano tutti rispondere a ottima fattura. Il primo padiglione realizzato fu quello a levante, tra il 1764 e il 1765.  Solo nel 1766 venne cominciato il padiglione a ponente con relative scuderie, greppie per le mandrie e il campanile. L’intero impianto architettonico era stato concepito per ospitare un grande numero di impiegati e dipendenti regi, che avrebbero dovuto occuparsi della buona riuscitita dell’impresa economica. Ad ognuno di essi venne assegnato un appartamento o un certo numero di camere, a seconda delle esigenze e dell’incarico rivestito.

La costruzione di forma rettangolare, a tre cortili, prevedeva quattro ingressi, posti al centro delle quattro maniche in corrispondenza degli assi nord-sud e ovest-est; questi ingressi carrai e le due strade che dividevano la tenuta, si incontravano così nel cortile centrale del fabbricato. Qui esisteva un abbeveratoio per i cavalli circolare, situato nel centro.

Annunci
Questa voce è stata scritta da La Piemontesina e pubblicata il 10 novembre 2010 su 09:00. È archiviata in La storia della Mandria di Chivasso. Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: