Letture per prepararsi al centro estivo! (parte 2)

Qualche settimana fa avevamo pubblicato un articolo dedicato alle letture propedutiche al centro estivo per i bambini tra i 3 e 5 anni. Questa volta ci dedichiamo alla seconda fascia di età che ospiterà il centro e campo estivo della Piemontesina in provincia di Torino, ovvero i bambini tra i 6 e gli 11 anni.

Il primo volume che proponiamo si intitola “L’ecologia – Per rispondere alle domande dei bambini”, di Emanuelle Paroissien e fa parte della collana “Come – Perchè” della Casa Editrice Larus per i ragazzi. Questo coloratissimo volume è particolarmente indicato per i bambini della seconda e terza elementare, cioè per quell’età in cui si è curiosissimi e in cui si riempiono i genitori di domande!

“Perchè l’acqua non smette mai di cadere? Come si produce l’acqua potabile? Perchè le tartarughe hanno la pelle dura?  Come lavarsi i denti in modo ecologico?  Come proteggere gli animali marini?”

Questi e molti altri sono i quesiti presentati nelle 125 pagine del libricino. Curiosità e interrogativi a cui spesso i genitori non sanno rispondere. Una lettura consigliata per prepararsi ad affrontare la vita nel pieno rispetto dell’ambiente e della natura.

Un secondo libro che invitiamo a leggere a bambini e adulti è “Il grande libro dell’ecologico, ovvero Il manuale del buon sollazzo”, scritto da Piero Santoni. Santoni è presidente dell‘associazione Ingegneria del Buon Sollazzo, con la quale porta in giro per piazze e paesi una collezione innovativa di giochi in legno artigianali da lui stesso costruiti. E’ autore di “Riciclingioco”, manuale per il recupero creativo e ludico dei materiali di scarto. Nel “Manuale del buon sollazzo” il gioco viene presentato come un importante strumento di aggregazione, comunicazione, crescita, creatività, socialità e naturalmente divertimento. Qui il gioco viene proposto nel suo valore positivo, con l’idea di cercare “le massime gratificazioni con il minimo impatto ambientale”. Si celebra il recupero del gioco e della creatività come valore umano, proponendo giochi da fare in famiglia e al centro estivo, utilizzando soprattutto materiali di recupero. Anche progetti e proposte per il territorio danno un senso più ampio del gioco, facendolo diventare strumento di gratificazione condivisa. Ci sono giochi con la carta, con la plastica, con i copertoni…ci sono anche proposte per un futuro sostenibile, com’è giusto che sia.

Secondo l’autore, “forse sarà proprio un gioco a salvare il mondo”, e allora perchè non provarci insieme? :)

Annunci
Questa voce è stata scritta da saraserchione e pubblicata il 23 febbraio 2012 su 10:30. È archiviata in centro estivo con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: